La canapa la più famosa pianta a 7 punte demonizzata dal sistema, risorsa per l’economia sostenibile

Postato in: News, Da , il 01/08/2014

immagine_blog

Ormai se ne (ri)parla sempre più, la canapa, o cannabis, la pianta a 7 punte più demonizzata dal sistema mondiale rappresenta sempre più una risorsa per l’economia sostenibile.

La canapa

La cannabis, o canapa, è una pianta originaria dell’asia centrale, sacra per la gente hindu, che si pensa sia arrivata nelle Americhe grazie a Colombo. Prima del proibizionismo del 1937 con la Marijuana Tax Act , firmata del presidente Franklin Delano Roosevelt, la canapa veniva coltivata in tutto il mondo in numerosi campi: produzione di carta, alimenti, fibre tessili, fibre plastiche, concimi naturali, uso medico, cosmetici e saponi, autoveicoli, costruzioni di case e combustibile. Da quando è stata proibita ad oggi il maggior utilizzo nei paesi occidentali è quello ricreativo.

Il principio

Il principale agente psicoattivo della cannabis è il THC, la cui combustione a temperatura elevata provoca la decarbossilazione dell’acido tetraidrocannabinoico in THC, aumentando la quantità assorbita. Generalmente si utilizzano i fiori femminili e la loro resina, fumati, inalati o ingeriti. La canapa amplifica le sensazioni, e gli effetti dell’assunzione sono molteplici. Al contrario dell’alcool, l’assunzione di canapa porta ad una sensazione di benessere e di tranquillità, totalmente estranea a reazioni aggressive e violente, ma al contrario, di ilarità e maggiore coinvolgimento nelle attività ricreative. Ulteriori studi evincono la pericolosità minore della marijuana rispetto all’alcool e alla nicotina. Ad oggi inoltre non si registrano casi di morte di overdose di marijuana.

Proprieta farmacologiche

Esistono ovviamente due correnti di pensiero riguardo la cannabis, e il suo utilizzo, ma gli studi clinici degli ultimi venti anni concludono che la Cannabis è un efficace medicinale nel dolore neuropatico e spastico. Aumentano sempre più le testimonianze di coloro che sono riusciti a superare dipendenze dall’ alcool o dalla cocaina, ma soprattutto aumentano le testimonianze di persone affette da sla o paraplegiche che trovano conforto nell’uso della cannabis, contro i dolori muscolari, o nella migliorata coordinazione del corpo, o di supporto alle piaghe. La cannabis è terapeutica inoltre contro la nausea, il vomito, l’anoressia e la cachessia. Studi di ricerca al momento studiano gli effetti del THC su allergie, epilessie, depressioni, ansia, disturbi bipolari e cancro. L’ Università di Madrid ha dimostrato in laboratorio che il principio attivo THC potrebbe avere effetti antitumorali .

Alimentazione

I semi di canapa costituiscono un alimento completo, in quanto ricchi di acidi linoleici e vitamine. Tramite spremitura dei semi, l’olio di canapa ha uso sia alimentare che combustibile.

Tessili e Combustibili

Fino a 50 anni fa la canapa era la materia prima per la produzione di carta, e le sue fibre erano utilizzate per la produzione di tessili e corde. Inoltre proprio nel 1937, anno della Marijuana Tax Act, Henry Ford creò la Hemp Body Car, realizzata per il 60% da materiali provenientei dalla canapa ed alimentata ad etanolo di canapa. Ford morì sei anni dopo e, quando nel 1955, la coltivazione della canapa venne proibita negli Usa, la vettura non entrò mai in produzione. Solo la Lotus ha ripreso il progetto nel 2000.

Canapuglia, un progetto per la diffusione della Canapa

Canapuglia è un progetto nato nel 2011 che mira a difendere il valore della Canapa per l’Uomo, l’Ambiente e l’Economia. Lo straordinario progetto che vede coinvolti tante menti pugliesi, ha cominciato nel 2011 una semina diretta di 1 ettaro di Canapa in Puglia, fino agli attuali 120 ettari che hanno visto il coinvolgimento di decine di agricoltori italiani, la nascita dell’Impianto di Prima trasofrmazione delle balle di Canapa, decine di imprenditoriche hanno investito nella filiera, e la nascita di prodotti alimentari a base di canapa, quali pizza, caffe, crepes e pasta.

La mission di Canapuglia

Il progetto Canapuglia ha sede a Conversano, Bari, e mira a rappresentare gli interessi del settore della Canapa incoraggiandone la ricerca e lo sviluppo, ma soprattutto la diffusione della conoscenza e della consapevolezza della pianta stessa, un tabù ancora in tutto il paese.

Eppure gli effetti benefici di questa pianta sono numerosi, tanto da chiedersi ancora perchè sia stata demonizzata così.

Leggi anche LaPiantiamo, il primo Cannabis Social Club d Italia su

Il passo è ancora lungo, ma come riporta CanaPuglia in questo video, l’obiettivo è prima di tutto la conoscenza come strumento di produzione di coscienza, per rimettere in discussione quello che oggi ci siamo dimenticati riguardo questa pianta demonizzata ingiustamente.

Un primo video rappresentativo del progetto CanaPuglia. Un contributo alla Canapa, il suo valore culturale, ambientale, economico. Un ringraziamento a tutti coloro che hanno sostenuto e che continueranno a condividere questo grande progetto made in Puglia, per l’Italia che vuole il Cambiamento www.canapuglia.it .


tag: canapa, cannabis, marijuana medica, canapuglia, lapiantiamo,