Territorio dell’ anno 2014, and the winner is Salento

Postato in: News, Da , il 14/02/2014

immagine_blog

Territorio dell’ anno 2014, and the winner is Salento, e per il secondo anno consecutivo

Anche quest’anno il Salento è risultato vincitore alla Fiera del BIT, la Borsa internazionale del Turismo, dal 13 al 15 febbraio 2014 a Milano.

Come ogni anno il concorso prevedeva l’invio di circa 248.000 mail ad utenti di tutte le regioni d’Italia, a cui si chiedeva di indicare con tre preferenze massime il “Territorio dell’anno”, indicando possibilmente anche delle keywords, ossia delle parole chiave, i “settori” cioè che hanno meritato il voto.

Ha risposto il 19%, ossia 42.306 utenti che hanno così espresso la loro preferenza

Salento 1° posto con 4.412 voti (9,15%); Chianti 2° posto (4° l’anno scorso) con 4.186 voti (8,68%); Cinque Terre 3° posto (2° nel 2013) con 3.661 voti (7,59%); Perugino 4° posto con 2.879 voti (5,97%); Cadore 5° posto con 2.180 voti (4,52%); Costiera Amalfitana 6° posto (3° l’anno scorso) con 2.001 voti (4,15%); Gallura 7° posto con 1.582 voti (3,28%); Versilia 8° posto con 1.066 voti (2,21%); Cilento 9° posto con 863 voti (1,79%); Gargano 10° posto con 824 voti (1,71%). Quindi la Puglia, assieme a Toscana e Campania, si candida con ben due location a testa, mentre Liguria, Umbria, Veneto e Sardegna con una.

Secondo gli utenti, le parole chiave del Salento sono state : mare, enogastronomia, ospitalità, capitale cultura, barocco, olio, tradizioni.

Mare: Ormai ce ne siamo accorti. Il Salento non ha nulla da invidiare alle spiagge caraibiche tropicali. Da Campomarino a Monaco Mirante, da Punta Prosciutto a Porto Cesareo, da Gallipoli a Santa Maria di Leuca, da San Foca ad Otranto sarete completamente rapita dalla bellezza incontaminata dei luoghi.

Enogastronomia: Una delle cucine più apprezzate in Italia, per i suoi piatti tipici a base di verdure e pesce, e per la cultura vitivinicola ormai resa famosa dal Privitivo di Manduria e il Negroamaro (guarda il Museo del Negroamaro). Rustici, friselle, pettole, panzerotti, pasticciotto leccese e dolci di mandorla sono solo alcuni nomi delle preziose specialità salentine.

Ospitalità: :D I Salentini nascono col sole nel cuore, la musica nel sangue e un sorriso coinvolgente.

Capitale Barocco: Lecce rappresenta ormai da anni la Capitale del Barocco, essendo tra i modelli architettonici più particolari d’Italia. Tutta la Grecia Salentina è caratterizzata da costruzioni di chiese e palazzi dalla straordinaria scenografia resa ancora più speciale dall’ utilizzo della pietra calcarenitica.

Olio: Sicuramente tra le prime forme di sostentamento dell’intera regione salentina. La produzione di olio extra vergine di oliva in Salento è antichissima, tanto quanto la stessa regione mediterranea.

Tradizioni: Dalla lavorazione della cartapesca, a quella della terracotta e della pietra leccese, il Salento è ricchissimo di tradizioni, culinarie, artigianali e musicali. Come non nominare la Pizzica, anima folkloristica della regione del Sud Italia, la puntura della tarantola più famosa al mondo.


tag: salento, news,